Download

Back to overview

L’architetto Rem Koolhaas costruisce il più grande museo di arte contemporanea in Russia: il Garage Museum of Contemporary Art di Mosca

Highlights:

Tipo di progetto: museo / centro artistico e culturale

Dove: Mosca, Russia (Gorky Park)

Architetto: Rem Koolhaas / OMA Studio

Peculiarità: conversione dello storico ristorante Vremena Goda nel più grande museo di arte contemporanea in Russia

Novità: aperto nel giugno 2015

Prodotti Dornbracht: SELV


Iserlohn.

Aperto di recente a Mosca, il Garage Museum of Contemporary Art vanta la più grande collezione di arte contemporanea in Russia. Su incarico del mecenate Dascha Schukowa, l’architetto olandese di fama internazionale Rem Koolhaas e il suo studio OMA hanno trasformato il vecchio ristorante Vremena Goda (dal russo, vuol dire : “Stagioni dell’anno”) a Gorky Park in uno spettacolare edificio futuristico – montando i rubinetti SELV di Dornbracht nei bagni.

Il Garage Centre of Contemporary Art è stato fondato nel 2008 nel Bakhmetevsky Bus Garage, un vecchio deposito di autobus. Nel 2012 è stato temporaneamente trasferito a Gorky Park, in un padiglione progettato da Shigeru Ban, per poi traslocare nella sua nuova dimora nel 2015. Pur erigendo una nuova facciata in policarbonato, funzionale e di tendenza, tutt’intorno al ristorante di un tempo, Koolhaas ha mantenuto diversi elementi dell’edificio storico ripristinando le mattonelle, i mattoni e i mosaici a parete originali di epoca sovietica. I tratti più straordinari della nuova architettura sono i due pannelli oversize che scorrono verso l’alto come la porta di un garage, fungendo contemporaneamente da ingresso al museo e riferimento al suo nome e alla location originale.

SELV di Dornbracht – un omaggio allo stile individuale

Mentre nel padiglione temporaneo fu installato il rubinetto IMO (“In My Opinion”) di Dornbracht, nei bagni del nuovo Garage Museum oggi c’è SELV, un rubinetto che coniuga linee moderne e precise con raggi strutturati in una forma classica, iconica. Il nome SELV è una parola inventata, derivata da “self”. In linea con lo spirito “design yourself!” o “express yourself!”, non mette al centro della scena il rubinetto in sé, ma piuttosto la personale concezione del design dell’utilizzatore, dell’architetto o dell’interior designer. Sottolinea come il rubinetto sia aperto a diversi universi stilistici – rendendolo quindi la scelta perfetta per i bagni del Garage Museum, un'affermazione di individualità e libertà artistica sullo sfondo culturale e politico della Russia.

Garage Moskau 01
Lo storico ristorante Vremena Goda (dal russo: Stagioni dell’anno) nel Gorky Park di Mosca è stato trasformato da Rem Koolhaas ed il suo studio d’architettura OMA nel nuovo, futuristico Garage Museum – la più grande collezione di Arte contemporanea della Russia.
Credit: Yuri Palmin © Garage Museum of Contemporary Art.
Garage Museum of Contemporary Art, SELV, Dornbracht
Garage Moskau 03
Lo storico ristorante Vremena Goda (dal russo: Stagioni dell’anno) nel Gorky Park di Mosca è stato trasformato da Rem Koolhaas ed il suo studio d’architettura OMA nel nuovo, futuristico Garage Museum – la più grande collezione di Arte contemporanea della Russia.
Credit: Yuri Palmin © Garage Museum of Contemporary Art.
Garage Museum of Contemporary Art, SELV, Dornbracht
Garage Moskau 03 I bagni del Garage Museum of Contemporary Art sono dotati delle rubinetterie Selv di Dornbracht.
Credit: Vasily Bulanov
Garage Museum of Contemporary Art, SELV, Dornbracht
Garage Moskau 04 I bagni del Garage Museum of Contemporary Art sono dotati delle rubinetterie Selv di Dornbracht.
Credit: Vasily Bulanov